Tutti i numeri di una campagna elettorale vittoriosa

Ecco il genere di post che appassiona davvero tante persone! Come forse qualcuno di voi avrà già saputo, ho lavorato in questi ultimi mesi alla campagna elettorale per un candidato alle elezioni regionali della mia provincia, quella di Siracusa, curando la comunicazione sia dal punto di vista dei rapporti con la stampa sia sui social media, terreno insidioso dove come noto le campagna elettorali non si vincono ma di sicuro si possono perdere.

Alla fine è andata bene, il candidato è stato eletto e in generale tutto il team, incluso il sottoscritto, si è trovato abbastanza d’accordo nel ritenere efficace la campagna comunicativa messa in atto.

Forti di questa vittoria, voglio oggi svelarvi tutti i numeri di questa campagna elettorale e affidarla al vostro commento!

N. B.: pur essendo presenti anche su Twitter e Instagram, per comodità e per importanza dei dati, riferiremo soltanto le statistiche registrate su Facebook per la sola pagina ufficiale del candidato nei tre mesi dal 5 settembre al 3 novembre 2017, fine formale della campagna elettorale.

  • Post pubblicati: 134
  • Visualizzazioni totali: 595.430
  • Visualizzazione media per post: 4.444
  • Interazioni totali: 8911
  • Interazioni medie per post: 66,5
  • Statistiche per genere e fasce d’età:

67% uomini, 32,3% donne

24,7% 35-44 anni

24% 45-54 anni

22% 25-34 anni

7,2% 18-24

7% 65+

  • Visualizzazioni video: 28.400
  • Costo totale delle campagne a pagamento: 380 €

Passando invece alla produzione di contenuto testuale per il sito ufficiale del candidato, abbiamo i seguenti dati:

  • 27 articoli pubblicati
  • 2 comunicati stampa inviati
  • Media di lettori unici ad articolo: oltre 1200

Una curiosità infine: è stata anche creata un’app ufficiale del candidato per Android e iOS, scaricata circa 100 volte.

E’ interessante notare come di fatto la comunicazione del candidato sia stata autogestita, affidata cioè essenzialmente a risorse interne sulle quali si è deciso di investire all’inizio, specifiche per settore, in grado di garantire un livello di professionalità quanto meno accettabile in ogni campo.

Avendo in squadra un grafico, un regista e operatore video, un fotografo, un webmaster, un giornalista, un social media manager , un team di sviluppo per App e un coordinatore bravo a gestire tutte queste risorse, la campagna elettorale diventa un microcosmo autonomo. Il risultato sarà quindi un premio o una punizione per tutto il team, dal candidato in giù.

Spero che le informazioni condivise vi siano state utili, resto a disposizione per eventuali chiarimenti!

Arriva il nuovo direttivo ONAV a Siracusa…e sono il responsabile Web!

Ho capito che non si tratta di una notizia epocale, tuttavia il blog è il mio e quindi quando mi capitano cose belle sono titolato a scriverle!

Da ieri faccio ufficialmente parte del direttivo ONAV di Siracusa, con il ruolo di responsabile comunicazione Web. Certo, dire che “casco a pennello” non è certo sbagliato, ma far parte della grande famiglia dei degustatori di vino anche attivamente, impegnando parte del mio tempo, è una cosa che mi riempie di gioia!

Devo ringraziare ovviamente Teresa Gasbarro, la delegata provinciale più amata d’Italia, e tutti i miei amici-colleghi di avventura e cioè Pina Gallo, Nadia Italiano, Carlo Panzeri, Francesco Puntorieri, Mariarita Luca, Marco Alicata, Antonio Castronovo, Miriam Volante e Anastasia Lafitskova.

Seguitemi perché vi terrò aggiornati su tutte le nostre iniziative…non ve ne pentirete!

Passione, adrenalina, stress: tutto il bello della campagna elettorale!

Diciamolo francamente, la campagna elettorale, quando non sei tu il candidato e quando lo stesso concetto di politica non ti fa schifo, è davvero una cosa figa.

Dopo qualche anno di esperienza, posso tranquillamente dire che la parte più bella della preparazione ad un’elezione è incontrare e conoscere gente nuova. Sono le storie, da buon giornalista, quelle che mi colpiscono di più.

Alcune sono disperate, non v’è dubbio. Altre sono di ordinaria quotidianità, altre ancora invece – purtroppo – sono meschine, fatte cioè da comparse che con la campagna elettorale sperano solo di lucrare qualcosa.

E’ evidente che in un contesto come quello degli ultimi anni, parlare di politica provoca in molte persone una fastidiosa orticaria; eppure, credetemi, in linea teorica non c’è niente di più nobile della politica. Il problema semmai, come noto, sono proprio i politici, per lo meno una discreta parte.

Non andare a votare però, nonostante tutto, è sempre la scelta sbagliata.

Per prima cosa, si lascia agli altri la delega di un diritto/dovere civico che invece la Costituzione attribuisce a ciascun cittadino italiano maggiorenne. Questo significa che poi, se le cose non vanno bene, non abbiamo neppure il diritto di lamentarci.

Altra conseguenza, forse più grave, è quella di favorire i cosiddetti “voti di apparato”, ossia i voti strutturati, organizzati nelle segreterie politiche – quando va bene – o peggio dalla criminalità organizzata, se va malissimo. E’ evidente che un alto tasso di astensione incrementa l’incidenza di questo tipo di voti mentre una grande partecipazione democratica non può che “diluirne” la portata.

Infine, ma non per importanza, c’è la questione che io chiamo, magari impropriamente, “morale”.
Non riesco infatti a sminuire un gesto come quello del voto, è più forte di me: mi vengono in mente lotte democratiche, Paesi nel caos, vittime innocenti. Non esercitare questo diritto dunque, mi fa sentire un po’ in colpa.

Ma forse, quello strano, sono io.

Cari amici siciliani, andate dunque a votare il prossimo 5 novembre: leggete i programmi, guardate le esperienze, ascoltate i candidati e alla fine, votate!

Twitter passa a 280 caratteri: raddoppia il rischio di scrivere minchiate?

Pare che Twitter, il social network della sintesi e della battuta al fulmicotone, stia sperimentando il raddoppio dei caratteri permessi in un singolo tweet, da 140 a 280.

Ufficialmente si tratta di un tentativo per venire incontro ai problemi lessicali delle lingue occidentali, la cui insita natura costringe spesso gli utenti a ridurre al minimo la comprensione del testo scritto a causa dell’esiguo numero di caratteri concessi, problema non presente invece nelle lingue orientali basate su ideogrammi.

In pratica, si tratta di un cedimento di Twitter ad una richiesta piovuta dai più, una sorta di snaturamento del mezzo che però potrebbe permettere una maggiore qualità dei contenuti, slegati dai legacci dei 140 caratteri ma per questo più chiari ed esaurienti.

Sappiamo tutti però che non sarà così.

In realtà, si è volutamente raddoppiato lo spazio per scrivere e condividere minchiate. Quelle innocue e divertenti, ed è cosa buona e giusta, ma anche quelle bufalare, razziste, antiscientifiche e pericolose, cosa invece orrenda e sbagliata.

D’altronde chi siamo noi per smentire Evan Williams, fondatore tra le altre cose proprio di Twitter, il quale ha dichiarato poco tempo fa che “internet non funziona più“, perché “favorisce gli estremi”? Direi proprio nessuno e anzi ci permettiamo di aggiungere che il più delle volte internet favorisce pure i cretini.

No, non tornerò a citare il buon Umberto Eco (perché l’ho già fatto qui), ma il pensiero non può che tornare con amarezza a quella sua evidente e incontrovertibile conclusione, sempre più attuale e MAI, mai e ancora mai smentita.

Viviamo tempi decisamente barbari, cari amici. La passione e la gioia di scrivere, comunicare e – quando si hanno i titoli – divulgare informazioni viene ogni giorno messa alla prova dalla “marea grigia” delle fake news, del sentito dire, del mantra “l’ho letto su internet” che ammorba e intorbidisce il dialogo online ma anche dal vivo.

Siamo tutti medici, avvocati, ingegneri, giornalisti, geologi, fashion blogger, politologi, critici di cucina, d’arte, di musica.

Siamo tutto, siamo tutti, sempre e comunque.

In effetti però, stando così le cose, altri 140 caratteri per le nostre minchiate possono davvero tornare utili.

Il lavoro di merda non l’ha inventato Carpisa

Da qualche giorno il web si è giustamente indignato per una vergognosa proposta di stage targata Carpisa che partiva dal presupposto obbligatorio dell’acquisto di una sua borsa, soltanto dell’ultima collezione peraltro.

Mi sembra inutile tornare nel dettaglio sull’argomento, l’abbiamo capito tutti che è stata una letterale stronzata, un’ennesima conferma di quanto la dignità del lavoro in Italia raggiunga pressoché ogni giorno nuove vette verso il basso.

C’è da dire infatti che se indubbiamente l’eco mediatica di un marchio come Carpisa, leader tra le produzioni di borse di qualità non eccelsa, non poteva passare inosservata, ogni giorno centinaia di migliaia di giovani e meno giovani, freelance, partite iva subiscono soprusi simili se non addirittura più gravi, spesso nel più completo anonimato.

Gli esempi sono tantissimi: dai pagamenti a xxx giorni a quelli mai arrivati con scuse spesso meschine, confidando sul fatto che un’azione di recupero per somme troppo piccole alla fine non conviene farla perché costerebbe di più del credito da riscuotere; dagli incarichi dati a simpatia e tolti per antipatia a quelli promessi e mai visti, causa magari nel frattempo della rinuncia di altri lavori.

Ma non è tutto: pensate a chi vede sminuire il proprio lavoro, chiamato per “favori che risolvi in un minuto” ma che alla fine, sommati i minuti, rubano tempo ad altre possibilità di lavoro o di formazione.

Pensate a chi si trova sotto scacco, costretto ad accettare offerte ridicole per cercare di tirare avanti, ottenendo il doppio danno di aver svilito sé stesso e l’intera categoria di professionisti a cui appartiene.

Insomma, a Carpisa va forse il merito di aver scoperchiato la grande cloaca del lavoro atipico, dove avere dignità significa, in molti casi, restare sulla soglia della povertà, ma di sicuro non le si può addebitare il ruolo di creatore del lavoro di merda.

Quello, purtroppo, esiste già da parecchio tempo.

Il triplo stress delle vacanze di un freelance

Un freelance, lo sanno tutti, è un essere pressoché umano, quasi umano direi, quanto meno in ambito lavorativo.

Egli (o ella) lavora mediamente dalle 10 alle 14 ore al giorno e, nella restante parte della giornata, si sente in colpa perché non lavora e ha persino sprecato qualche ora per dormire.

Subisce solitamente in estate un triplo stress: il primo, perché vede tutti i suoi contatti di Facebook impegnati a lamentarsi durante l’anno e poi invece ad agosto sono improvvisamente in giro per il mondo a cazzeggiare di lusso, stile Gianluca Vacchi, fatto che ci fa dubitare sulle scelte di vita compiute fino a quel giorno.

Il secondo stress è invece quella settimana di vacanza che a forza ci prendiamo, costretti magari da compagne/i e/o consorti: già dal primo giorno ci sentiamo maledettamente in colpa, a pensare a quanti arretrati potremmo sbrigare se invece di stare in questo cacchio di mare fossimo con il nostro fido PC o Mac.

L’ultimo stress è invece il più classico, quello da rientro che però nel nostro caso viene enfatizzato al massimo proprio perché il settimo giorno di vacanza è stato quello senza sensi di colpa…e mannaggia, il giorno dopo ci tocca rientrare!

Cari amici, cari colleghi, a questo punto non mi resta che darvi un consiglio: rilassatevi finché potete! E ricordatevi che mentre noi ci sentiamo in colpa per un giorno di vacanza, il nostro committente posticipa in maniera indefinita il suo bonifico…a sto punto, tanto vale godersela questa meritata vacanza!

(Ma col bonifico versato sarebbe stata più bella)

Calici di Stelle 2017 a Marzamemi, diffidate dalle imitazioni!

Stanno impazzando per i social inviti ad eventi apparentemente tutti uguali, tutti per la notte di San Lorenzo e cioè il 10 agosto, e tutti con riferimenti e presunti “Calici di Stelle“.

Questo breve post dal mio blog serve a fugare ogni dubbio: l’evento principale del Sudest di Sicilia si chiama sì Calici di Stelle, ma si svolge a Marzamemi, affascinante borgo marinaro in provincia di Pachino (SR), presso l’Antico Palmento di Rudinì dalle ore 20 alle 24.

Perché mi permetto di dire questo? Semplice: perché è un evento storico, giunto alla 13° edizione, perché è organizzato dall’Associazione Strada del Vino e dei Sapori del Val di Noto, che racchiude alcune tra le più grandi eccellenze enogastronomiche di Sicilia e quindi d’Italia, se non del mondo, perché racchiude in un unico luogo 21 produttori, musica, buon cibo e ottimo vino.

Insomma, il vero Calici di Stelle è soltanto uno…diffidate dalle imitazioni!

Non chiamatemi più “SDC”!

Uno spettro si aggira per i ristoranti e le trattorie di mezza Italia: quello dell’approssimazione!

Come molti di voi ormai sapranno, mi diletto a cucinare ma soprattutto a mangiare bene, in casa e fuori.

Ho avuto la fortuna di frequentare il corso Onav di assaggiatore di vini e, sebbene specifico per l’inebriante bevanda, proprio quel corso mi aiutò a stimolare strumenti di degustazione adattabili a più o meno ogni contesto, in particolare per l’individuazione di 4 dei 5 gusti fondamentali e cioè il dolce, il salato, l’amaro e l’acido. Il quinto, l’umami, come noto non è presente nel vino.

Il gioco degli equilibri, delle consistenze, dei contrasti: assaporare un piatto per me è quasi un momento religioso, che mi godo con attenzione e massimo piacere.

Quando mi ritrovo però in compagnia di amici e parenti, questa mia continua ricerca della perfezione e di analisi minuziosa delle pietanze provoca nei commensali due reazioni: la prima, ingiustificata, quasi di soggezione latente, come se il mio giudizio fosse chissà perché più importante di quello degli altri; la seconda è invece quella più gettonata, e cioè la classica presa in giro, seguita immediatamente da un simpatico – si fa per dire – nomignolo: “SDC“.

SDC è un acronimo di un modo di dire siciliano, “SticchioDiCulo” (lo scriviamo tutto attaccato per eludere la censura), il cui significato letterale non c’entra assolutamente niente con il senso che gli si vuole attribuire in questo contesto. Di fatto, significa “snob”, “precisino”, “puntiglioso” e anche, se volete “rompiballe”. Nel mio caso, poiché sono sempre il primo a notare errori nel servizio o nelle preparazioni, mi è stato coniato a furor di popolo, con grandi risate a corredo.

Eppure, se SDC significa pretendere la qualità e la professionalità minima in un locale degno di tal nome, allora lo rivendico con orgoglio.
Certo, so perfettamente che non esiste uno standard unico per ristoranti, trattorie o pizzerie, eppure su alcuni punti non si possono fare sconti. Mi riferisco ad esempio alla pulizia, alla gentilezza, alla correttezza dei comportamenti. Poi non pretendo certo una pasta con le sarde memorabile se la pago 6 euro in trattoria, ci mancherebbe! Ma in un ristorante che mi piazza a 28 euro uno spaghetto agli scampi, voglio che siano direttamente gli scampi a servirmi al tavolo grazie alla loro freschezza!

E allora cari amici, invece di scherzarci su, vi invito a diventare tutti un po’ più SDC: se cominciassimo tutti a far notare gli errori gravi ai ristoratori, forse la qualità del servizio in generale ne gioverebbe e l’immagine della cucina italiana, ancora in grande spolvero nonostante tutto, continuerebbe a restare un orgoglio per questo Paese.

Essere SDC però non significa MAI svilire il lavoro altrui: anche nel far notare un errore serve educazione e civiltà. Perché l’SDC alla fine fa ridere, il cafone al contrario è sempre e comunque soltanto fastidioso.

In foto: tipico esempio di piatto “sdc”

Che fine ha fatto la buona educazione?

Colgo spunto da qualche episodio spiacevole successo a persone a me molto care per tornare a scrivere in questo trasandato blog; argomento del giorno è la buona educazione o, meglio, la mancanza di buona educazione.

L’incipit “ai miei tempi”, abbastanza odiato e inflazionato, suona quasi ridicolo in bocca a un 36 enne che la guerra di certo non l’ha fatta; eppure, purtroppo, in soltanto una generazione, le cose sembrano davvero peggiorate.

Qualche giorno addietro una mia cara amica, incinta di 8 mesi e con un bel pancione chiaramente indicatore del suo status, ha chiesto ad un noto bar nel centro storico di Siracusa, città eletta ormai da tutti i portali del mondo una delle mete turistiche più ambite, di poter usare il bagno. La prima risposta del signore presente (non sappiamo se il titolare o un suo dipendente) è stata già molto indicativa: “prima deve consumare!”. Alle proteste della prossima puerpera, il soggetto in questione ha inizialmente acconsentito all’uso del famigerato bagno.

All’uscita dai servizi però, la mia amica si è sentita apostrofare con una perentoria richiesta di 50 centesimi da pagare; “ma nessuno in città ha fatto mai pagare l’uso del bagno, specialmente ad una donna incinta!” ha spiegato la giovane futura mamma; “non è vero – ha risposto sempre il soggetto in questione – il bar……… (e nomina un famoso bar nelle vicinanze) – lo fa pagare.” “La devo smentire – lo gelò infine la mia amica – sono stata lì qualche giorno fa e sono stati invece gentilissimi”. Qui, a questo punto, arriva il tocco di grazia, la finezza che ci inorgoglisce in quanto discendenti di Archimede, eredi di Corinto, cultori della bellezza e dell’eleganza: “E allora si ni issi all’autru bar!” (Traduzione dal siciliano: e allora se ne torni pure nel bar dove non pagava!”).

Il gesto, inqualificabile, ha una difficile spiegazione, se non nell’assoluta mancanza di buona educazione da parte di questo “signore” (usiamo le virgolette), alla quale va aggiunta l’assenza di umanità, buon senso, sensibilità, correttezza. Il problema – torno a specificarlo – non riguarda nemmeno la richiesta dei 50 centesimi che si sarebbero potuti chiedere in ben altro modo, ma il tono da cafone maleducato che di fatto mette una croce sopra alla frequentazione di quel bar da parte di un bel gruppetto di persone, capeggiato da un non modesto consumatore come il sottoscritto.

Ma non è tutto.

In città – ma credo un po’ ovunque in Italia, anche se ovviamente non ne ho contezza diretta – è in atto una sorta di diffusione di un sentimento di cattiveria gratuita che sembra addirittura piacere più della buona educazione.

Da non confondere con il pessimo buonismo – che invece diventa una filosofia che tutto giustifica, anche comportamenti inqualificabili – la buona educazione è ad esempio quella di cedere il posto sui mezzi o in sala d’attesa ad anziani, donne incinte, persone con difficoltà deambulatorie; aiutare giovani donne o anziani a trasportare la spesa, casse d’acqua, pesi ingombranti; salutare con un sorriso e un buongiorno i vicini, intavolare una breve discussione in ascensore, dire “grazie”, “prego”, “mi scusi”, “si figuri”, “di niente”, “permesso”, “per favore”, oppure perché no, dare un bacio a vostra moglie/marito/compagno/mamma/papà/nonno/nonna senza un motivo apparente, solo per dimostrare un po’ di affetto.

E invece, siamo sempre incazzati. E non tolleriamo più niente e nessuno. Una donna entra in un noto negozio in carrozzina e una persona esclama: “già siamo stretti, ci mancava pure quella con la sedia!”. Aberrante.

Se una donna incinta salta una coda, al supermercato come ad un pubblico ufficio, nel rispetto della legge, sono più gli sguardi di odio che quelli di gioia per il pargolo in arrivo. Terrificante.

Se una persona con difficoltà motoria nell’attraversare la strada perde un attimo più di tempo, gli suoniamo irritati. Vergognoso.

E in questo contesto non voglio nemmeno toccare l’argomento della buone educazione online, un universo che puzza come una cloaca, pieno di leoni da tastiera che, di fronte allo sputtanamento dal vivo, poi diventano pecorelle.

Io lo so perché siamo incazzati: i soldi, i pagamenti, le tasse ecc. Ma quando pensiamo a cosa possiamo fare per migliorare il mondo, non immaginiamoci come statisti che governano i popoli; pensiamo ad essere più gentili prima di tutto con chi ci sta attorno e poi anche con gli estranei. Sono convinto – ma qui si entra forse nell’utopia – che una grande cambiamento può iniziare soltanto dopo un gesto di gentilezza.

A proposito: grazie per avermi dedicato qualche minuto del vostro tempo!

Il respiro del vino. Sabato 10 giugno tutti a Noto!

Come promesso, vi tengo aggiornati sulle attività più interessanti (a mio parere) che mi vedono direttamente o indirettamente coinvolto.

Nello specifico sabato 10 giugno, dalle ore 18, mi troverete a Noto (SR), nella splendida enoteca del Val di Noto in via Rocco Pirri, sede dell’antico mercato, a presentare insieme all’ONAV di Siracusa e all’associazione Elisir il libro del professor Luigi Moio “Il respiro del vino”.

Si tratta di un testo che pur avendo serie basi tecniche frutto di anni di studi sui profumi del vino, in realtà è adatto a tutti, anche per la presenza di aneddoti divertenti e informali.

Alla presentazione seguirà una degustazioni di vini con aperitivo ed è per questo che si paga un ticket di 15 euro; la prenotazione è obbligatoria.

Piccolo incentivo (o disincentivo, se proprio non vi piaccio!): sarò io a moderare la presentazione, quindi non aspettatevi polpettoni inaccollabili ma piuttosto una serena chiacchierata tra amici!

Vi lascio al link ufficiale dell’evento Facebook  e vi ricordo che le prenotazioni dovranno essere fatte via mail all’indirizzo siracusa@onav.it comunicando nome, cognome, un recapito telefonico e il numero di partecipanti.

Ci vediamo a Noto allora!